Consigli per lo stress e il sonno

Consigli di terapia nutrizionale per lo stress e il sonno

Immagine del profilo Gisela Jimenez Duran

Gisela Jimenez Duran

Immunologa e ricercatrice con una vasta esperienza in autoimmunità, metabolismo cellulare e meccanismi dell'infiammazione. Come scienziata formulatrice nella ricerca biochimica clinica e come paziente che ha sofferto di IBS e squilibri intestinali come la permeabilità e la SIBO, Gisela ha sviluppato una passione per la salute integrativa, la nutrizione non tossica e ha costruito una vasta conoscenza del mondo degli integratori alimentari.

Nel mondo frenetico di oggi, esacerbato dagli effetti della pandemia COVID-19, lo stress è diventato una pandemia a sé stante, con implicazioni significative per la salute fisica e psicologica. Un'indagine del 20211 riporta che il 79% degli adulti del Regno Unito ammette di sentirsi stressato almeno una volta al mese, mentre il 30% si sente stressato per dieci o più giorni al mese. La mancanza di sonno è stata indicata come la causa principale dello stress dal 39% dei partecipanti, mentre un'altra indagine del 2021 sull'insonnia2 riporta che un adulto su quattro nel Regno Unito ammette di avere problemi ad addormentarsi ogni notte. I problemi di sonno indotti dallo stress sono sempre più comuni e i loro effetti sulla salute generale sono scoraggianti e dovrebbero essere trattati come tali.

In che modo lo stress influisce sul sonno?

Lo stress cronico o gli episodi di stress acuto possono causare un'iperregolazione dell'asse ipotalamo-ipofisi-surrene (HPA) e un'iperattivazione del sistema nervoso simpatico (SNS) con conseguente secrezione eccessiva di ormoni dello stress (ad es. adrenalina, cortisolo).3 L'innalzamento degli ormoni dello stress durante la notte provoca un'eccitazione e un'allerta generale, un'accelerazione del tasso metabolico e quindi un aumento della temperatura corporea e della frequenza cardiaca, con conseguenti difficoltà nell'iniziare e mantenere il sonno. Lo stress influisce sul normale ritmo circadiano dell'organismo da cui dipende un sonno sano, dando luogo a un circolo vizioso di stress, privazione del sonno e bassi livelli di energia durante il giorno.4,5,6 Le sezioni seguenti illustrano due strategie efficaci e semplici che potrebbero aiutare a modulare la risposta allo stress e a migliorare il sonno.

Niente caffeina dopo mezzogiorno 

La caffeina ha un'emivita media di 5-7 ore, il che significa che se viene consumata dopo mezzogiorno, una parte di essa sarà ancora in circolazione nel sangue prima di andare a letto. La caffeina agisce come stimolante bloccando i recettori dell'adenosina nel cervello e impedendo l'accumulo di sonniferi (l'accumulo di adenosina)8 - aumentando così la veglia, l'effetto più ricercato durante il giorno. Inoltre, la caffeina ha un effetto sulla risposta allo stress perché attiva l'SNS e l'asse HPA, amplificando potenzialmente i suoi effetti fisiologici.7 Un consumo eccessivo di caffeina (il limite di sicurezza è fissato a 400 mg per un adulto medio di 70 kg9) può, infatti, avere effetti simili a quelli dello stress sull'organismo, ad esempio ansia e accelerazione della frequenza cardiaca. Gli studi dimostrano che la caffeina aumenta il tempo necessario per addormentarsi (latenza di insorgenza del sonno), riduce la durata totale del sonno e disturba il sonno a onde lente.10 Pertanto, limitare l'assunzione di caffeina alle ore mattutine potrebbe aiutare a gestire meglio gli effetti dello stress sul sonno e a migliorare la qualità del sonno e l'energia durante la giornata. Anche se questa misura non richiede un'astinenza completa, la caffeina è una droga psicoattiva e crea una forte dipendenza, quindi limitarla potrebbe essere inizialmente difficile. La Tabella 1 include alcune alternative tonificanti prive di caffeina, che possono essere utilizzate per migliorare i livelli di energia nel pomeriggio e rendere più facile il passaggio. I sintomi di astinenza, come stanchezza e mal di testa, sono possibili e possono durare fino a 9 giorni11 - passare a opzioni con un contenuto di caffeina inferiore, come il tè verde o il decaffeinato (il decaffeinato contiene una piccola quantità di caffeina) è una buona opzione temporanea per attenuare il periodo di transizione.

Routine del lavoro di respirazione serale (10-30min)

Le pratiche di respirazione profonda aiutano a ridurre lo stress stimolando il sistema nervoso parasimpatico e aumentando il tono vagale, che contrasta l'upregulation del SNS causata dallo stress.18,19 Uno studio di Tsiouli et al.20 su adulti cronicamente stressati ha mostrato una diminuzione dello stress percepito e dei livelli di cortisolo salivare come risultato degli esercizi di respirazione diaframmatica. Un'altra ricerca di Tsai et al.21 ha dimostrato che le pratiche di respirazione profonda prima di andare a letto migliorano il sonno diminuendo la latenza di insorgenza del sonno e i risvegli notturni. Pertanto, includere una breve pratica di respirazione (10-30 minuti) nella propria routine serale è un metodo semplice ed efficace per scaricare lo stress e migliorare il sonno. In rete si trovano molte informazioni sui diversi tipi di esercizi di respirazione, che non richiedono sforzi fisici, nuove competenze o assistenza e possono essere eseguiti ovunque: applicazioni mobili come Calm, Headspace e feel better offrono gratuitamente una serie di sessioni guidate. Sebbene la pratica sia generalmente sicura, non è adatta o dovrebbe essere valutata caso per caso in caso di gravidanza, danni alla gabbia toracica, lesioni alla colonna vertebrale, fratture alla clavicola e chi soffre di osteoporosi grave, asma acuta o dispnea.22

Elenco di riferimento

  1. CIPHR [Internet]. 2021 [citato il 2021 Nov 18]. Disponibile da: https://www.ciphr.com/research/workplace-stress-statistics/
  1. Formulate Health [Internet]. 2021 [citato il 2021 Nov 18].Disponibile da: https://www.formulatehealth.com/blog/insomnia-statistics-uk-how-many-people-have-sleep-problems
  1. Sharpley C. Percorsi neurobiologici tra stress cronico e depressione: Meccanismi adattativi disregolati? Clin Med Insights Psychiatry [Internet]. 2009 [citato il 2021 Nov 11]. Disponibile da: https://doi.org/10.4137/CMPsy.S3658
  1. Pevet P, Etienne C. La melatonina: sia l'uscita dell'orologio principale che l'indicatore di tempo interno nella rete degli orologi circadiani. J Physiol Paris. 2011; 105(4-6):170-182.
  1. Han K, Kim L, Shim, I. Stress e disturbi del sonno. Exp Neurobiol. 2012; 21(4):141-150.
  1. Walker M. Perché dormiamo: la nuova scienza del sonno e dei sogni. Londra: Penguin Random House UK; 2017.
  1. Roehrs T, Roth T. Caffeina: Sonno e sonnolenza diurna. Sleep Med Rev. 2008;12(2):153-162.
  1. Kalinchuk A, Basheer R. Correlati biochimici della veglia prolungata. In Kushida C, editore. Enciclopedia del sonno. Elsevier Science & Technology Enciclopedia del sonno. 2013 Kushida C. Elsevier Science & Technology. p. 239-243.
  1. Gruppo di esperti scientifici dell'EFSA. Parere scientifico sulla sicurezza della caffeina. EFSA J. 2015;13(5):4102.
  1. Roehrs T, Roth T. Caffeina: Sonno e sonnolenza diurna. Sleep Med Rev. 2008;12(2):153-162.
  1. Sajadi-Ernazarova K, Anderson J, Dhakal A, Hamilton R. Astinenza da caffeina. StatPearls [Internet]. 2021 [citato il 2021 Nov 18]. Disponibile da: https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/28613541/.
  1. Panossian A, Wikman G. Gli effetti degli adattogeni sul sistema nervoso centrale e i meccanismi molecolari associati alla loro attività protettiva contro lo stress. Pharmaceuticals. 2010;3(1):188-224.
  1. Nishimura M, Ohkawara T, Kanayama T, Kitagawa K, Nishimura H, Nishihira J. Effetti dell'estratto di radice di cicoria tostata(Cichorium intybus) contenente fruttani di tipo inulina sulla glicemia, sul metabolismo lipidico e sulle proprietà fecali. J Tradit Complement Med. 2015;5(3):161-167.
  1. Jakaria M, Haque E, Kim J, Cho D, Kim I, Choi D. Componenti attivi del ginseng nel deterioramento cognitivo: Potenziale terapeutico e prospettive per la somministrazione e lo studio clinico. Oncotarget. 2018;9(71):33601-33620.
  1. Prasad S, Tyagi A. Lo zenzero e i suoi costituenti: Ruolo nella prevenzione e nel trattamento del cancro gastrointestinale. Gastroenterol Res Pract [Internet]. 2015 [citato il 2021 Nov 19];142979. Disponibile da: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4369959/
  1. Santos-Parker J, Strahler T, Bassett C, Bispham N, Chonchol M, Seals D. L'integrazione di curcumina migliora la funzione endoteliale vascolare in adulti sani di mezza età e anziani aumentando la biodisponibilità di ossido nitrico e riducendo lo stress ossidativo. Aging. 2017;9(1):187-205.
  1. Ali S, Obaid Q, Awaid K. Attività antiossidante del succo di limone contro lo stress ossidativo. Baghdad Sci J. 2020;17(1)207-213.
  1. Breit S, Kupferberg A, Rogler G, Hasler G. Vagus Nerve as Modulator of the Brain-Gut Axis in Psychiatric and Inflammatory Disorders.Front Psychol. 2018;9:44.
  1. Laborde S, Mosley E, Thayer J. Variabilità della frequenza cardiaca e tono vagale cardiaco nella ricerca psicofisiologica - Raccomandazioni per la pianificazione degli esperimenti, l'analisi dei dati e il loro reporting. Front Psychol. 2017;8:213.
  1. Tsiouli E, Pavlopoulos V, Alexopoulos E, Chrousos G, Darviri C. Expolre. 2014;10(2):88-98.
  1. Tsai, Kuo T, Lee G, Yang C. Efficacia della respirazione accelerata per l'insonnia: aumenta l'attività vagale e migliora la qualità del sonno. 2015;52(3):388-96.
  1. Tummee.com [Internet]. 2020 [citato il 2021 Nov 17]. Disponibile da: https://www.tummee.com/yoga-poses/diaphragmatic-breathing/contraindications

 

Torna al blog

Lascia un commento